mascherine filtranti

Le mascherine filtranti non sono come le chirurgiche…

Sapete la differenza tra mascherine filtranti e mascherine chirurgiche? La distinzione potrebbe sembrare questione da esperti. In realtà parliamo di sostanza.

Ciò perché le prime sono strumenti di protezione utili. Tuttavia però non esenti da rischi e comunque meno efficaci delle seconde.

Ormai sono un ricordo i tempi in cui per la protezione delle vie respiratorie nei luoghi di lavoro si usavano facciali filtranti FFP2 ed FFP3 nel rispetto della norma En 149. Oggi tra misurazioni di temperatura con trattamento dei dati personali e relative misure di protezione dei dati. Gel per igienizzare le mani e quant’altro tocchiamo ogni giorno con mano la criticità della situazione. Oggi approfondiamo il discorso sulle mascherine.

Di seguito trovate il chiarimento per far fronte ai dubbi sulle mascherine e tutti i dispositivi di protezione individuale.

Mascherine filtranti senza marchio CE

Il secondo comma dell’articolo 16 del Decreto Legge 17 marzo 2020 n°18 recita:
2. Ai fini del comma 1. Fino al termine dello stato di emergenza di cui alla delibera del Consiglio dei ministri in data 31 gennaio 2020. Gli individui presenti sull’intero territorio nazionale sono autorizzati all’utilizzo di mascherine filtranti prive del marchio CE e prodotte in deroga alle vigenti norme sull’immissione in commercio.”

Con tale comma viene, praticamente, introdotta una categoria speciale di presidi:
le “mascherine filtranti” destinate alla sola collettività e che, in apparenza, sembrano prive di alcuna normazione.

Cosa dice la norma

L’articolo 15 dello stesso Decreto. Infatti, consente di derogare dalla normativa ordinaria. Ciò solo a condizioni di attivare una procedura semplificata di validazione straordinaria.

Per mezzo di questa procedura il soggetto proponente deve auto certificare il rispetto di una serie di requisiti di sicurezza del prodotto. Nonché ottenere il parere favorevole dell’Istituto Superiore di Sanità (“ISS”) per le “mascherine chirurgiche” o dell’INAIL per i DPI in deroga.

Le mascherine filtranti per la collettività. In base all’articolo 16 comma due. Invece, sono un “terzo tipo” di presidio.

Come chiarito dalla circolare del Ministero della Salute n° 0003572-P del 18 marzo 2020. Possono essere utilizzate da parte di “tutti gli individui presenti sul territorio nazionale”. Benché “prive del marchio CE e prodotte in deroga alle vigenti norme sull’immissione in commercio”. Pertanto:

  • Non sono soggette. Dal punto di vista normativo. Neppure alle procedure semplificate di valutazione e validazione straordinaria richieste dall’articolo 15 per le “mascherine chirurgiche” e i DPI senza marcatura CE.
  • Non devono essere conformi a particolari norme tecniche armonizzate UNI EN ISO.

Quest’ultimo profilo le rende nettamente distinte dalle “mascherine chirurgiche” prodotte ai sensi dell’articolo 15.
Sebbene siano anch’esse prive di marcatura CE e in apparenza simili nella struttura. Le “mascherine chirurgiche” devono superare prove tecniche e test di laboratorio per dimostrare la conformità alle norme UNI EN 14683:2019 e UNI EN 10993-1:2009.

Altre indicazioni

Inoltre, il produttore di mascherine filtranti per la collettività non deve aver implementato un sistema di gestione della qualità, come richiesto invece a chi voglia realizzare “mascherine chirurgiche”.

Si tratta di deroghe molto ampie. A carattere eccezionale. Giustificate dalla natura straordinaria dell’emergenza sanitaria.

Nonché dalla urgente domanda sul mercato dei presidi di protezione. Che è di molto superiore al trend ordinario.

Non è detto. Però, che anche questo “terzo tipo” di mascherine non sia soggetto a regole. Devono, infatti, soddisfare alcuni requisiti.

  • Poiché non sono “mascherine chirurgiche” ai sensi dell’articolo 15 del Decreto “Cura Italia”. Le mascherine per la collettività non possono essere utilizzate durante il servizio da operatori sanitari in ambiente medico o assistenziale. Cioè, ad esempio, ospedali, guardie mediche ed RSA.
  • Non essendo DPI, non possono essere utilizzate in ambienti di lavoro dove sia prescritto l’impiego di DPI.

Le mascherine filtranti sono, quindi, presidi con finalità di precauzione, limitati alla generica collettività. Per cui, specie negli ambienti di lavoro. Nonché nei luoghi pubblici in cui ne sia consentito. Ovvero richiesto l’impiego.

Deve essere rispettata la regola di distanziamento sociale. Come raccomandato dalle autorità sanitarie. Nonché dai provvedimenti regionali.

Questa deve essere di circa 2 metri. Salve le ulteriori misure di igiene e prevenzione raccomandate dalle autorità sanitarie.

Nulla vieta. Tuttavia, di condurre test di tenuta e di efficacia filtrante. Anche la Circolare 3572/2020 del Ministero della Salute prescrive ai produttori la “assoluta necessità” di garantire che tali mascherine non arrechino danni. Ovvero determinino rischi aggiuntivi per chi le usa secondo la destinazione d’uso.

Del resto, l’articolo 16 le definisce come “maschere filtranti”. E’ ragionevole, quindi, che debbano essere costruite. Per lo meno, con strati di tessuto filtrante come tessuto non tessuto o cotone con trattamento antidroplet.

Mascherine filtranti e possibili riferimenti

In tal senso, pur in assenza di indicazioni specifiche, in via facoltativa possono essere osservate le procedure e le indicazioni tecniche della norma UNI EN 14683:2009+AC.

Resta fermo che i test tecnici non sono obbligatori. Dunque, in ogni caso tali maschere possono essere destinate alla collettività. Ciò purché il tessuto utilizzato soddisfi requisiti minimi di sicurezza. Questo in termini di sufficiente traspirabilità e idro repellenza.

Infine, il sistema di produzione e utilizzo di tali presidi incontra un limite temporale. Esso vale solo per la durata dell’emergenza Covid-19.

Ossia fino al 31 luglio 2020. Dopodiché, tornerà in vigore l’iter normativo e procedurale ordinario previsto per dispositivi medici. Nonché DPI con marcatura CE.

Mascherine filtranti: etichetta e istruzioni di impiego

E’ inoltre fondamentale fornire agli utenti finali una corretta informazione circa la natura e le modalità di impiego delle mascherine per la collettività.

Quindi, l’imballaggio della mascherina (singolo o multiplo) deve riportare, o deve contenere, una scheda tecnica recante almeno le seguenti indicazioni:

  • Ragione sociale e indirizzo del produttore.
  • Riferimento al lotto e data di produzione.
  • La dicitura “Mascherina filtrante ad uso esclusivo della collettività. Non è un dispositivo medico, non è un DPI. Escluso l’uso sanitario o in ambienti di lavoro senza il rispetto della distanza di sicurezza inter personale”.
  • La precisazione “a uso singolo” o se “si può riutilizzare”, indicando con quale frequenza e modalità.
  • Le istruzioni di impiego e di corretto smaltimento.

Può essere utile. Inoltre, che il produttore renda noti gli eventuali test condotti. Precisando le norme tecniche applicate.

Nonché che specifichi. Ove disponibile. Il sistema di gestione della qualità implementato. Questo anche per evidenziare gli standard di (maggior) sicurezza e qualità del prodotto.

In generale, qualsiasi impresa, anche se di recente “riconvertita”, nella misura in cui si presenta come “produttore”, è responsabile per le informazioni veicolate in merito all’impiego corretto e alla sicurezza del prodotto.

Diversamente, si potrebbe ingenerare negli utenti un affidamento sproporzionato rispetto alla effettiva capacità filtrante protettiva e alla destinazione d’uso di queste mascherine filtranti. Ciò è tanto più grave a fronte dei seri rischi che possano derivare per la salute individuale e collettiva.

Tutto ciò avrebbe come conseguenza che il produttore potrebbe incorrere in problemi di natura legale ed essere chiamato a rispondere nelle opportune sedi giudiziali.